Capitolo VI

 

 

10. La denuncia del “dialogo” modernista

 

 

 

 

 

 

 

  Bookmark and Share

Mentre sull'onda dell’enciclica Ecclesiam Suam, la parola "dialogo" passava di bocca in bocca, nel dicembre 1965 Plinio Corrêa de Oliveira pubblicò un suo nuovo importante studio: “Trasbordo ideologico inavvertito e dialogo”. L’autore vi denunciava l'uso del termine “dialogo” all’interno di una tecnica di persuasione che occupa nella strategia di conquista del potere marxista un posto non inferiore a quello classico della violenza.

Così Silvio Vitale, nella sua prefazione all’edizione italiana del saggio, sintetizzava l’analisi svolta dal dottor Plinio: «Il comunismo coglie, col dialogo, l’opportunità di indurre l'interlocutore cattolico a porsi su un piano di relativismo hegeliano: il colloquio si svolge tra persone che, nel confronto tra tesi e antitesi, mirano implicitamente a una sintesi che comprenda e superi le prime. Tale posizione è pienamente coerente col comunismo. (...) Viceversa è esiziale per il cattolico, perché egli, accettando tale tipo di colloquio, viene a contraddire l’esistenza della verità e del bene come assoluti, immutabili, trascendenti. (...) L'interlocutore malaccorto parte convinto che si possa pervenire alla verità e quindi all'unità attraverso il proprio impegno a persuadere l'avversario. Poi comincia a considerare come fine supremo della conversazione non la verità ma l'unità. Successivamente giunge a ritenere che non esistano verità ed errore obiettivi, per cui non è necessario convincere per raggiungere l’unità. Infatti si convince che solo in funzione di ‘verità relative' e contingenti l'unità può effettivamente affermarsi e progredire. A questo punto, caduto completamente in balia dell'utopia irenistica, non è dominato da altro scopo che quello della coesistenza a qualsiasi costo con l’avversario» (94).

 Poche analisi della dialettica hegeliana eguagliano l’opera del pensatore brasiliano, in cui la profondità metafisica si accompagna ad una grande capacità di analisi psicologica e linguistica. Egli ricorda come, secondo san Tommaso, uno dei motivi per cui Dio permette l’errore e il male è affinché, per contrasto, risalti maggiormente lo splendore della verità e del bene”.

Ora, come far valere questo contrasto, se non attraverso la denunzia, aperta e categorica, di tutto quanto l’errore contiene di falso e il male di censurabile? Con questa denuncia, imposta dall’evangelico «si. si; no. no», si produce un salutare conflitto nell'anima di chi ascolta, eliminando equivoci e incertezze e spingendo alla adesione alla verità integrale.

Contro ogni tendenza irenistica, Plinio Corrêa de Oliveira pone una assoluta incompatibilità: “Il comunismo non può accettare la coesistenza con chi, contrariamente a quanto esso sostiene, professa una filosofia basata sul riconoscimento della verità e del bene come valori assoluti, immutabili, trascendenti, esistenti in maniera perfetta nell'essenza divina” (96). 


Note:

93) Cfr. P. CORRÊA DE OLIVEIRA, Baldeação ideológica inadvertida e dialogo, Editora Vera Cruz, São Paulo 1965, tr. it. Trasbordo ideologico inavvertito e dialogo, Edizione de L’Alfiere, Napoli 1970.

94) SILVIO VITALE, Prefazione a P. CORRÊA DE OLIVEIRA, tr. it. Trasbordo ideologico, cit., pp. 6-7.

95) S. TOMMASO D’AQUINO, Contra Gentes, III. 71.

96) P. CORRÊA DE OLIVEIRA, Trasbordo ideologico, cit., p. 103.


ROI campagne pubblicitarie